Elimina i servizi a basso valore aggiunto dal tuo studio!

Il commercialista può ESTERNALIZZARE TUTTI I SERVIZI A BASSO VALORE AGGIUNTO: può affidare a terzi l’onere di effettuare quelle operazioni semplici, ripetitive, dispendiose, necessarie, ma non sufficienti a creare il prestigio di un servizio. Il beneficio sarà quello di avere meno costi fissi e di liberare così tempo ed energie.
Come ben sappiamo, per realizzare una buona contabilità sono necessarie tre fasi di lavoro:

1. 1. L’immissione, cioè le operazioni di raccolta dei dati della contabilità: registrare le fatture, i pagamenti, i movimenti bancari, le paghe, etc.;

2. 2. Il controllo di primo livello, per vedere se le registrazioni sono state effettuate in modo esatto: si controlla, ad esempio, la chiusura dei conti di debito, si verifica se la cassa è negativa, se gli estratti conti coincidono con i conti di debito o di credito delle banche (si tratta, insomma, di un’estensione dell’immissione);

3. 3. Il controllo di secondo livello, che riguarda l’analisi del reddito, le politiche di bilancio, le valutazioni dell’ammortamento, gli accantonamenti e la valutazione delle rimanenze (questa fase spesso è svolta insieme al cliente, chiamato in studio, per parlare delle varie questioni).

Le fasi 1. e 2. sono relativamente semplici e, generalmente, svolte da un impiegato di livello inferiore. La fase 3., invece, richiede competenze maggiori e, quindi, un più alto livello di specializzazione.

Esternalizzare le tue contabilità è possibile, noi lo stiamo già facendo con ottimi risultati e vorremo condividere con te questa opportunità.

Cosa ne pensi? Quali sono le tue perplessità?

Contattaci su http://www.ilnuovocommercialista.it/esternalizzazione-contabilita/e ti forniremo tutte le risposte di cui hai bisogno!

Abbandona pigiama e #TV, supporta i tuoi #clienti e togliti le ansie delle #scadenze

Ecco cosa ho per te questa settimana:

1. Per evitare la www.mortedelcommercialista.it devi vincere 6 a 4 e non più 1 a 0
2. La Ristrutturazione Debiti per non abbandonare il tuo cliente in difficoltà
3. Esternalizzare la contabilità ti toglie l’ansia delle scadenze!

1. Per evitare la www.lamortedelcommercialista.it devi vincere 6 a 4 e non piu 1 a 0

Se non si acquisiscono nuovi clienti, è certo che qualcuno ne perdiamo per mille motivi (concorrenza agguerrita, internet, fallimenti aziende, morte cliente, figli che subentrano ai genitori ecc…) e che quindi siamo destinati a diminuire il fatturato e di conseguenza a diminuire i nostri guadagni.
E voi fate qualcosa di veramente utile per aumentare i vostri clienti?
Se non avete fatto nulla leggete questo messaggio, io l’ho inviato ai miei clienti all’inizio del 2013, vi potrebbe essere utile.

‘Negli ultimi anni non esiste nessun settore industriale che non abbia avuto grossi scossoni e profonde e veloci ristrutturazioni, basti pensare ad esempio al tessile, all’elettronica oppure alla grande industria. Cercando quindi di concentrarci su quello che possiamo governare è indubbio che il nuovo oggi richieda atteggiamenti diversi. Se pensiamo di affrontare il 2013 usando schemi vecchi riusciremo solo a perdere tempo e a sprecare energie. Uno dei nemici principali dell’attività del Commercialista è il benessere e la pigrizia che ne consegue.

Chiunque svolga un’attività commerciale conosce l’importanza di dedicare del tempo a sviluppare relazioni e molti colleghi da tempo seguono, più o meno inconsciamente, questa strategia. Oggi però serve fare di più. L’attenzione al networking deve essere massima e al primo posto nella strategia di un bravo Commercialista: in primis, dunque, nella nuova era digitale è fondamentale valorizzare il proprio brand personale su internet attraverso un sistema professionale di web marketing (come ad esempio il nostro servizio Personal Social Web, per tutte le info vai su http://www.ilnuovocommercialista.it/#benefit2), partecipando ed interagendo, anche e soprattutto sul web, nei momenti importanti della vita sociale di un paese, ad eventi e iniziative locali, iscriversi a community culturali, economiche, sportive essere parte attiva nell’organizzazione, anche sul web, di eventi con amici e potenziali clienti.

Vivere appieno la professione investendo il proprio tempo per sviluppare relazioni costanti con il solo desiderio di conoscere nuove persone e allargare il proprio bacino di contatti, questa è una delle sfide più difficili da vincere se si vuole crescere. Prima poteva essere la chiave di successo dei più bravi, oggi è elemento indispensabile per restare sul mercato.

Se il pigiama, le ciabatte e la TV sono sempre protagoniste delle nostre serate, non riusciremo a crescere come vogliamo consapevoli che oggi, complice la riduzione dei margini e la crescente competizione, aumentare i clienti e il portafoglio è indispensabile per mantenere il tenore di vita attuale. L’approccio al networking puro è faticoso, richiede forte impegno e dedizione ma è la sola strada utile per allargare il giro di conoscenze e creare nel tempo quel clima di fiducia indispensabile per fare il nostro lavoro. Per riuscirci occorre che gli impegni, anche quelli sul web, siano vissuti come momenti sociali in cui si riesce a star bene e si spende del tempo utile per se stessi e gli altri. Occorre soprattutto entrare nella giusta sintonia con la gente.

A seconda della propria situazione familiare occorre poi cercare di coinvolgere i propri cari, dove è possibile, perché condividano i sacrifici ma anche le gioie. Questo diventa quasi naturale se il proprio network si trasforma in amicizie e rapporti consolidati. Solo così è possibile provare a pianificare un approccio dedicato al networking. L’atteggiamento e la programmazione verso questa attività diventano fondamentali.

Questa è la principale differenza rispetto ad un approccio spontaneo che per definizione esclude certe opportunità e rende meno rigoroso il metodo. La prossima serata in cui rientreremo a casa stanchi dopo una dura giornata di lavoro, ci metteremo le ciabatte, il pigiama e crolleremo sul divano con il telecomando in mano decidendo di non dedicarci alla vita sociale sul web, staremo decidendo di perdere delle opportunità, magari anche quella professionale della vita. E in questo caso economia, governi e mercati non c’entrano. Hanno vinto la TV, le ciabatte, la nostra pigrizia.’

Per far sì che nuovi potenziali clienti ti trovino, per aumentare la tua autorevolezza sia sul web che nella vita di tutti i giorni, per sfruttare al meglio il tuo networking, hai bisogno di un sistema professionale di web marketing, per diffondere nella rete la tua figura professionale ed allargare così esponenzialmente la tua base di contatti.

Personal Social Web è il servizio creato per creare, diffondere e consolidare la tua immagine nel web. Un servizio del valore di oltre 6.000 Euro, che puoi ricevere gratuitamente insieme a moltissimi altri benefit entrando nel nostro network di professionisti www.ilnuovocommercialista.it.

Per tutte le info su questo e su tutti gli altri benefit del network, vai su www.ilnuovocommercialista.it

Scarica, inoltre, gratuitamente il nostro eBook ‘Il Commercialista del Futuro’, clicca qui: http://www.ilnuovocommercialista.it/ebook-il-commercialista-del-futuro/

2. La Ristrutturazione Debiti, per non abbandonare i tuoi clienti in difficoltà

Ogni azienda deve agire nella consapevolezza che si sono moltiplicati i fattori che possono innescare una situazione di crisi. Questa si produce a causa di squilibri riscontrabili nella tenuta economica (cioè a livello del rapporto fra domanda e offerta), o a causa di squilibri a livello finanziario (investimenti sbagliati, errata gestione dei capitali, etc.).

Quando non si adottano misure adeguate per prevenirla o limitarla, la crisi aziendale sfocia inevitabilmente nell’accumulo di debiti, per lo più a breve termine. La conseguenza più infausta è l’insolvenza, con rischio di fallimento. Le colpe di tutto ciò sono a volte umane (dovute a scelte manageriali errate), a volte oggettive, legate a fenomeni imprevedibili del mercato. Certamente, la situazione economica globale, caratterizzata da una crisi generalizzata, amplifica tutti i potenziali fattori.

Poiché fronteggiare possibili situazioni di crisi, con conseguenti situazione debitorie, diventa un’esigenza normale per un’azienda, si fa urgente la necessità di qualcuno che sappia gestire e strutturare in modo ottimizzato il pagamento dei debiti, limitando al minimo le perdite. Lo scopo principale è quello di ripagare i creditori, riuscendo a salvare l’attività.

Qui entra in gioco il commercialista consulente aziendale, che deve supportare l’assistito, durante le varie fasi della ristrutturazione dei debiti, il cui scopo è il ristabilimento del perduto equilibrio finanziario.

Puoi scoprire come farlo nel nostro eBook gratuito ‘Il Commercialista del Futuro’, clicca qui per scaricarlo: http://www.ilnuovocommercialista.it/ebook-il-commercialista-del-futuro/

E se condividi la nostra visione sul futuro della professione di Commercialista e cerchi una struttura che sia in grado di supportarti in questa tua trasformazione, contattaci subito sul nostro sito web www.ilnuovocommercialista.it

Guarda le zone libere a disposizione, stanno solo aspettando un consulente proprio come te!
Val seguente link: http://www.ilnuovocommercialista.it/zone-libere/

3. Esternalizzare la contabilità ti toglie l’ansia delle scadenze!

Ecco cosa ti forniamo, ma soprattutto quando te lo forniamo, con il nostro servizio di esternalizzazione:

Fase 5: Produzione Documenti e Chiusura di fine anno

La struttura garantisce di fornire al Professionista ogni 16 del mese i seguenti documenti, tutti esclusivamente in formato pdf:
– Bilancio a sezioni contrapposte alla data del secondo mese precedente (ad esempio il 16 di Ottobre avrete copia del Bilancio al 31 Agosto);
– Copia Registri IVA e Liquidazione IVA.
– Libro Giornale
– Partitari, F24, Blacklist ed Intrastat eventuali (anche con le ritenute)

La chiusura di fine anno, come ben sapete, deve tener conto di alcuni aspetti fondamentali:
RISCONTI: vengono rilevati in corso d’anno. Quando vi sarà una variazione finanziaria a cui non corrisponde una variazione economica verrà subito effettuato il risconto
VALUTAZIONI SOGGETTIVE: ci dovranno essere fornite dallo studio cliente, dopo colloquio con il tuo cliente, le seguenti valutazioni:
Ammortamenti;
Rimanenze;
Svalutazioni;
Esistenza di contratti che danno una competenza economica con una manifestazione finanziaria futura (I Ratei passivi e attivi che non si conoscono) o che comunque non si evincano dalle fatture.

Una volta fornitici questi dati saremo in grado di fornire il bilancio chiuso a fine anno entro il 28/02 dell’anno successivo!!!

Inoltre la struttura metterà a disposizione del tuo studio:
Partitari in Pdf – Bilancio Analitico;
Tutti i dati della comunicazione IVA;
Tutti i dati della dichiarazione IVA;
Tutti i dati per il 770 inerenti la parte delle ritenute;
Stampa Libro Inventari;
Stampa Registro Beni Ammortizzabili con ammortamenti già calcolati.

Per scoprire nel dettaglio tutte le altre fasi del nostro servizio clicca qui: http://www.ilnuovocommercialista.it/esternalizzazione-contabilita/

Esternalizzare le tue contabilità è possibile, noi lo stiamo già facendo con ottimi risultati e vorremo condividere con te questa opportunità.

Cosa ne pensi? Quali sono le tue perplessità?

Contattaci su http://www.ilnuovocommercialista.it/esternalizzazione-contabilita/e ti forniremo tutte le risposte di cui hai bisogno!

E’ tutto anche per questa settimana. E mi raccomando come sempre, non esitare a rispondere a questa e-mail in qualsiasi momento.

Seguici anche sui Social Network:

Facebook:https://www.facebook.com/pages/Il-Commercialista-la-tribù-dei-Commercialisti/155869317820754
Twitter:https://twitter.com/eCommercialisti
LinkedIn:http://www.linkedin.com/groups/Commercialista-tribù-dei-Commercialisti-4031096
Google+: https://plus.google.com/u/0/103410469451825776193/posts

Siti web:

www.ilnuovocommercialista.it
www.consulentiaziendaliditalia.it